Raccontare…raccontarsi…scoprire… Laboratorio di gioco narrativo autobiografico

 

Raccontare di sé e della propria vita è un potente strumento di scoperta, di cura, di evoluzione personale. Dare parole alla propria storia, però, non sempre è facile.

In questo lab ci trasformeremo in artisti di noi stessi ed esploreremo insieme altri linguaggi e nuove possibilità creative, per dare vita ad un racconto diverso e per trasformare la nostra vita in un libro d’artista.

 

 

Come: iscrizione entro il 4 novembre, massimo 6 partecipanti

Conducono: Sabrina Bussolati, Elisabetta Rainoldi

Quando: sabato 10 novembre 2018 – Dalle 15 alle 19

Dove: via Poliziano 4, 20154 Milano

Come arrivare: Metro Lilla fermata Domodossola, passante ferroviario fermata Domodossola, Tram 1 e 19, Autobus 57 e 43

Costo: 60 euro (materiale incluso)

Su Facebook l’album dell’evento

 

Body Experience

Una mostra, “Lezioni di danza”… storie ruvide su passi di seta.
Un pittore: Maurizio Mercurio Lentini.
Ballerine, movimento, paesaggi, contrasto: leggerezza e pesantezza, colore e grigi. La perfetta ambientazione per parlare del nostro corpo.
A volte ci occupiamo di lui come se fosse un estraneo:  andiamo in palestra, mangiamo, lo curiamo‚ come guscio esterno, come una macchina da migliorare sempre. L’obbligo pesante di un DEVO al quale opporremo tutta la leggerezza della scelta del VOGLIO. Sarà una libera conversazione per aprire una prospettiva diversa sul nostro corpo.

Guest: Giuseppina Carrera, Focusing Trainer certificata dal Focusing Institute di New York e Counselor professionista, grande maestra dell’ascolto del corpo.
Sabrina Bussolati
, counselor professionista, coach, un passato lontano nelle scuole di danza.

Cosa: Dopolavoro
Quando:
lunedì 27 maggio, dalle 19,30 alle 20,30
Dove
: Galleria l’Acanto, Via Nöe 33, Milano (zona Città Studi)
Quanto: L’incontro è gratuito e a numero chiuso

Informazioni: info@cocolab.it

 

Come azzerare gli sprechi, risparmiare ed essere felici: Ecocucina

Ecocucina. Come cucinare cose sane e belle con scarti e avanzi in tempi di crisi (e per una buona ecologia alimentare anche in tempi meno critici).
In Italia buttiamo nella spazzatura 20 milioni di tonnellate di cibo all’anno. A testa, fanno 46 chili. Per un valore di 11 miliardi di euro.
Come utilizzare scarti e avanzi introducendo nuove abitudini e pratiche nel nostro quotidiano?
Lisa Casali (aka Lisca!) ci condurrà alla scoperta dell’Ecocucina: Perché cambiare abitudini in cucina? I benefici per portafoglio, ambiente e salute; i consigli pratici per fare la spesa risparmiando; come conservare al meglio gli alimenti per ridurre gli sprechi – come costruirsi un essiccatore in casa; come utilizzare quello che di solito si butta via – esempi pratici con frutta e ortaggi di stagione. E infine, l’ultima spiaggia: come costruire una compostiera e produrre il compost domestico a casa propria  con quello che proprio non riusciamo a consumare.

Guest: Lisa Casali è l’appassionata autrice del blog Ecocucina e dei libri Ecocucina. Azzerare gli sprechi, risparmiare ed essere felici (Gribaudo Editore, 2012); Cucinare con la lavastoviglie (Gribaudo Editore, 2011); La cucina a impatto (quasi) zero (con Tommaso Fara, Gribaudo, 2010). Conduce “Zero Sprechi” su Gambero Rosso Channel.

E, per gli amici di CoCoLab, durante la serata, una speciale offerta sui libri:
Ecocucina: Azzerare gli sprechi, risparmiare ed essere felici e
Cucinare con la lavastoviglie, a 10 €;
La cucina a impatto (quasi) zero, a 20 €

Cosa: Dopolavoro del ciclo Sei al verde?”
Quando: 28 gennaio 2013, ore 19.30- 21
Dove: BotteGas, via Colletta 31, Milano

L’incontro è gratuito e a numero chiuso. Segue aperitivo a cura di BotteGas (12 €)

Informazioni: info@cocolab.it

Come si ‘collavora’: i modelli organizzativi del futuro

Come si ‘collavora’. I modelli organizzativi del futuro.

Uno dei chiodi fissi di CoCoLab è il cambiamento di prospettiva. Questa volta vi proponiamo di cambiare punto di vista sul lavoro e sulle modalità a cui siamo abituati, per considerare la possibilità di un’alternativa. Se non al lavoro, perlomeno alla maniera di pensarlo e organizzarlo: riportando l’uomo e le sue relazioni al centro, in una specie di nuovo umanesimo in chiave 2.0.
Nicola Palmarini ragionerà con noi sulle motivazioni profonde per sostituire la parola lavorare con collaborare. E per coniare un neologismo: ‘collavorare’. Dove il cambiamento nel vocabolario è solo l’espressione di un processo in atto, che riconosce l’insufficienza e l’inefficacia dei modelli organizzativi esistenti per contenere la complessità del lavoro odierno.
Il mutamento di paradigma sta accadendo; Palmarini si è preso la briga di descriverlo, nominarlo e analizzarlo. Utilizzando, per farlo, lo stesso sistema partecipativo di redazione che sponsorizza per il lavoro: la costruzione di un romanzo corale, la restituzione di una specie di vie unanime collaborativa, di una nuova organizzazione sociale.
Come i social network ci mostrano una via altra e partecipata per lavorare?
Come la conoscenza condivisa ci permette di ‘sapere ciò che sappiamo’, aumentando la nostra produttività?
Oltre all’aspetto umanistico, vedremo anche i risvolti pratici della proposta: gli strumenti gratuiti che oggi esistono in rete per collaborare. In presenza e a distanza.
E per restituirci un po’ di fiducia (della serie Yes you can), un recentissimo caso di successo ‘collavorativo’.

Guest: Nicola Palmarini è l’eclettico direttore dello Human Centric Solutions Center Europe di IBM; libero pensatore e appassionato di reti sociali, internet delle cose, design dell’interazione… Dal suo profilo twitter: “I care about others as humans: all what they do matters to me”. È autore di Lavorare o collaborare? Networking sociale e modelli organizzativi del futuro (Egea, 2012).
Insieme a lui, Jacopo Tondelli, direttore responsabile de Linkiesta, vera startup di quotidiano digitale di approfondimento.

Nicola Palmarini devolve interamente i diritti d’autore del suo libro, Lavorare o collaborare? (Egea 2012), a Bambini nel Deserto, ONG che ha l’obiettivo di migliorare, attraverso azioni dirette e concrete, le condizioni di vita dei bambini del Sahara e del Sahel.
Il libro sarà in vendita durante la serata.

Cosa: DopoLavoro del ciclo Sei al verde?”
Quando: Lunedì 18 febbraio 2013, dalle 19.30 alle 21
Dove: BotteGas, via Colletta 31, Milano
L’incontro è gratuito e a numero chiuso. Segue aperitivo a cura di BotteGas (12 €)

Informazioni: info@cocolab.it

Non solo bio

L’universo dei prodotti biologici è circondato da un’aura di mistero e da innumerevoli leggende metropolitane. Mentre alcuni paesi del mondo (il Bhutan) annunciano la conversione totale al bio nelle coltivazioni, in altri si demonizzano i prodotti organici perché ritenuti troppo cari o di incerta origine e tracciabilità. E poi come si capisce che cosa è veramente bio e cosa non lo è? Come si tutelano salute, scelte alimentari e portafogli senza diventare maniacali?

In questo laboratorio vogliamo fare chiarezza, grazie a una nota esperta del settore, per capire come si acquista in modo responsabile, cosa è più opportuno mangiare bio e quando non è indispensabile, come leggere le etichette, dei prodotti biologici e anche di quelli che non lo sono, per trovare le informazioni che ci servono a nutrirci bene e in modo naturale.

Portate con voi la confezione del vostro alimento preferito. Scoprirete tante cose utili e preziose per la salute.

Guest: Venetia Villani, giornalista e tecnologa alimentare, dirige il mensile Cucina Naturale e il sito www.cucina-naturale.it. Appassionata di biologico, dal 1996 al 2006 per conto dell’Associazione consumatori utenti è stata membro del Consiglio direttivo dell’Istituto Mediterraneo di Certificazione, uno dei principali enti di certificazione del biologico in Italia. È autrice di La cucina biologica (2000, Oscar Guide Mondadori), la guida al biologico più venduta in Italia.

In collaborazione con Cucina Naturale: a tutti gli iscritti al dopolavoro CoCoLab di giovedì “Non solo BIO” con Venetia Villani, Tecniche Nuove ha riservato uno sconto speciale: 25 € anziché 34 € per l’abbonamento annuale cartaceo alla rivista Cucina Naturale.

Cosa: Dopolavoro del ciclo Sei al verde?”
Dove: Milano, BotteGas, via Colletta 31
L’incontro è gratuito e a numero chiuso.

Informazioni: info@cocolab.it

 

Come coltivare la città

Nelle metropoli internazionali il verde sta rinascendo dal basso, attraverso pratiche collettive e individuali più e meno ortodosse: orti urbani condivisi, ortaggi sui balconi, adozioni di aiuole pubbliche, azioni di guerrilla gardening.

In questo DopoLavoro Mariella Bussolati ci parlerà di come anche a Milano i cittadini si stiano organizzando per restituire alla città il bello e l’utile del verde; di cosa la municipalità sta facendo con i cittadini e dei vantaggi economici, sociali e culturali dei community garden. Tutto quello che c’è da sapere, nella teoria e nella pratica, per partecipare alla rivoluzione verde.

Guest: Mariella Bussolati, autrice di Orto Diffuso. Dai balconi ai community garden. Laurea in Scienze agrarie, ha lavorato per diversi anni alla redazione di Focus e dal 2009 ha dato vita al blog ortodiffuso.noblogs.org

Cosa: DopoLavoro del ciclo Sei al verde?”
Dove: BotteGas, via Colletta 31, Milano
Quando: Lunedì 11 Marzo 2013, dalle 19.30 alle 21.
Quanto: L’incontro è gratuito e a numero chiuso. Segue aperitivo a cura di BotteGas (12 €)

 

Milano in fiore, frutta e verdura! Come farsi l’orto sul balcone

Domenica 17 marzo, nell’ambito di DomenicAspasso: Festa di Primavera, Cocolab e Bici&Radici collaborano con l’Assessorato alla Cultura Moda e Design al laboratorio pratico per farsi l’orto sul balcone. Dalle 15 alle 17, nell’Aula Magna del Museo di Storia Naturale (C.so Venezia 55, MM1 Palestro)

Con qualche giorno di anticipo sull’arrivo ufficiale della primavera, cambiamo prospettiva sul luogo dove viviamo: impariamo a fare l’orto sul balcone o sul terrazzo di casa. Il laboratorio pratico vi accompagnerà nella creazione dell’orto sul balcone di casa, coltivando in cassetta o in sacco. Imparerete come costruirvi una cassetta per mettere a dimora le vostre piantine, come scegliere gli ortaggi in base a esposizione e stagionalità; quali vasi e contenitori utilizzare; quanto costa e quanto tempo e dedizione richiede. Ma soprattutto: come si fa e come fa bene: al cuore, al fisico, alla salute, al portafogli, all’estetica della nostra città. Venite a sporcarvi le mani: vi porterete a casa i frutti del vostro lavoro. E portate anche i bambini!

Contenuti del Laboratorio
1. Introduzione all’orto sul balcone
2. Stagionalità delle piante ed esposizione
3. Istruzioni pratiche per fare l’orto sul balcone
a. Come foderare la cassetta di frutta con il tessuto non tessuto
b. Come setacciare bene la terra e riempire le cassette
c. Come mettere a dimora le piantine tracciando la linea ideale per la crescita
d. Come mescolare le diverse varietà di piantine per agevolarne la tutela
e. Come coprire le piante in caso di freddo e come scoprirle gradualmente.
Il Laboratorio è gratuito ed è organizzato dal Comune di Milano, in collaborazione con il ciclo Sei al verde?” di CoCoLab e con Bici&Radici