Origliare in Rete


Origliare in Rete. Ovvero la ricerca delle informazioni rilevanti nel web post-2.0.
L’evoluzione della “nuova” internet, che dopo 8 anni tanto nuova non è più, ha comportato una crescita esponenziale delle informazioni user-generated disponibili online.
Tutti creano contenuti. Pochi ascoltano con attenzione, e troppi non sanno bene da dove cominciare. Cominciamo!

Origliare in Rete è un Lab per imparare a rintracciare, selezionare e ottimizzare le informazioni per noi rilevanti nel mare magnum del web.
Strumenti, tecniche e software per sfruttare al meglio le potenzialità della rete: dall’ascolto dei principali social network alla reputazione online, dall’analisi dei blog alle ricerche nei forum, senza diventare dei nerd.

Programma del Lab
1. Come ricevere le informazioni rilevanti (Google Alert, feed RSS, Twitter, Facebook)
2. Come usare in modo avanzato i motori di ricerca (Google, motori social, motori verticali..)
3. Come cercare le info sui social media
4. Come funziona il Web monitoring
5. Come si misura l’influenza

A chi si rivolge
A chiunque voglia migliorare la qualità del proprio “ascolto” della Rete, imparando a sfruttare in modo smart gli strumenti che esistono online, ottimizzando i tempi e intercettando più facilmente le informazioni rilevanti.

Roberto Davolio ha 33 anni e si occupa di comunicazione dal 2007. Esperto di relazioni pubbliche e media relations, ha lavorato per diverse agenzie di Milano, focalizzandosi negli ultimi anni sulla consulenza strategica e sull’integrazione dei media digitali nel marketing mix delle aziende.

Cosa: Lab
Durata: Dalle 19.30 alle 22
Costo: 35 euro
Dove: BotteGas Filiera Minima è un punto di incontro tra persone che credono in un cibo diverso, sostenibile e biologico. E’ una bottega gestita da una cooperativa, dove acquistare prodotti a ‘filiera corta’, un ristorante perfetto per brunch, merende e pause pranzo, un luogo dove si fa cultura su temi concreti. Il posto perfetto dove nutrire corpo e spirito.
Milano, BotteGas, via Colletta 31 (zona Porta Romana, MM3 Porta Romana o Lodi)

Per informazioni: info@cocolab.it

Edizioni precedenti
18 ottobre 2012 @Bottegas
Shhhht… Abbiamo origliato in rete. In questo Lab di due ore, accompagnati dall’ottimo Roberto Davolio, con il qualificato contrappunto qua e la’ di Gianfranco Chicco che ringraziamo, abbiamo applicato la nostra regola aurea al Web: cambiare prospettiva. Ovvero, usare diversamente gli strumenti che spesso gia’ conosciamo. Sembra una banalità, ma utilizziamo una percentuale infinitesimale degli strumenti a disposizione in rete; e un percentile ridicolo delle funzionalita’ degli strumenti che già usiamo. Roberto ci ha fornito una panoramica dell’esistente, perché anche le nostre abitudini di ricerca, organizzazione e visualizzazione delle informazioni non sono tutte uguali. Così possiamo decidere quali siano più conformi alle nostre esigenze e alla nostra forma mentis. Ha selezionato la ferramenta e i luoghi della rete utili a ricevere le notizie che ci interessano, a partecipare alle discussioni più rilevanti, a scoprire gli influenzatori, a discernere le fonti autorevoli. Utilizzando spesso gli strumenti e i social media a cui siamo abituati, ma in modo diverso. Ci ha indicato come scegliere i blog e i forum più interessanti. Ci ha parlato di sentiment, di reputazione e di influenza. Ora è solo questione di provare e decidere cosa tenere e utilizzare per ascoltare con maggiore cura la rete. Alla prossima e grazie a tutti!

Guarda le foto su facebook

Come usare LinkedIn per trovare lavoro

Il dopolavoro dedicato al miglior uso dei social per la ricerca del lavoro, focalizzato su LinkedIn, il social network professionale più diffuso.
Indicazioni e trucchi per la costruzione di un profilo efficace su LinkedIn, valorizzazione dei punti di forza, partecipazione alle discussioni all’interno dei Gruppi per la ricerca di lavoro, gli aggiornamenti professionali, la condivisione e la crescita della propria reputazione. Casi di successo.

Roberto Davolio
ha 33 anni e si occupa di comunicazione dal 2007. Esperto di relazioni pubbliche e media relations, ha lavorato per diverse agenzie di Milano, focalizzandosi negli ultimi anni sulla consulenza strategica e sull’integrazione dei media digitali nel marketing mix delle aziende.

Cosa: Dopolavoro
Quanto: 20 € (iva compresa)
Dove: BotteGas Filiera Minima è un punto di incontro tra persone che credono in un cibo diverso, sostenibile e biologico. E’ una bottega gestita da una cooperativa, dove acquistare prodotti a ‘filiera corta’, un ristorante perfetto per brunch, merende e pause pranzo, un luogo dove si fa cultura su temi concreti. Il posto perfetto dove nutrire corpo e spirito.
Milano, BotteGas, via Colletta 31 (zona Porta Romana, MM3 Porta Romana o Lodi).

IL GIORNO DOPO
Non è semplice parlare di LinkedIn: o ci si perde in technicalities, o si sta troppo sul vago. Invece ieri sera Roberto Davolio ci è piaciuto moltissimo. In un’ora ci ha spiegato in modo molto chiaro come muoversi sul social più usato per cercare lavoro, ci ha dato suggerimenti preziosi e link utili da riguardare a casa, ci ha raccontato come si muovono le aziende e gli head hunter e quali sono gli strumenti a nostra disposizione per migliorare la nostra reputazione. Bella serata!
Le immagini della serata su facebook

Per informazioni, scrivici: info@cocolab.it

Introduzione al Focusing – Milano, 25 marzo 2012

Il Focusing nasce negli anni Sessanta grazie a Eugene T. Gendlin, padre della “Filosofia dell’implicito” e collaboratore di Carl Rogers.

All’Università di Chicago Gendlin svolse insieme al suo team di lavoro una lunga ricerca volta a individuare l’elemento discriminante di una buona psicoterapia.

L’osservazione di centinaia di sedute e di protocolli condusse Gendlin e i suoi collaboratori a una conclusione inaspettata: dalle loro osservazioni emergeva che una psicoterapia destinata al successo si basava su una abilità del paziente, una sua capacità spontanea di ascoltarsi a livello profondo, cercando con lentezza la congruenza tra ciò che veniva percepito, sentito nel corpo, e ciò che veniva espresso o per meglio dire simbolizzato a parole. Si trattava di un ascolto attento e paziente di quello che Gendlin chiamò felt sense: “sensazione significativa”.

Si tratta di qualcosa di più del percepire le emozioni o le sensazioni del corpo, o dell’osservare i pensieri. Si impara ad attivare una percezione globale di come il nostro organismo vive una determinata situazione. Il felt sense contiene una serie di informazioni su di noi e racchiude una saggezza profonda. Accedere al felt sense significa fare il punto della nostra situazione di vita partendo dalla nostra natura profonda.

Il Focusing insegna come dedicare attenzione a queste sensazioni significative per scoprire che riassumono in sé emozioni, idee, percezioni, desideri e conoscenza. Insegna come ascoltarsi amorevolmente, con rispetto e comprensione per sé, sperimentando una consapevolezza più vasta di quella ordinaria.

CONTENUTI E OBIETTIVI
Durante il corso impareremo a riconoscere un felt sense e a sviluppare un ascolto amorevole e accogliente. Si alterneranno momenti di spiegazioni teoriche, esercizi pratici e condivisioni di gruppo delle esperienze fatte.
Verranno fornite bibliografia e sitografia ad hoc.

TRAINER
Giuseppina Carrera
Dott. in filosofia, counselor riconosciuta da Assocounseling e Focusing Trainer certificata dal Focusing Institute di New York.

COSA: Workshop a pagamento aperto a tutti
DURATA: 1 giorno, dalle 10 alle 18
DOVE: Istituto Europeo di Shiatsu – Spazio Mu, via Aristotele 39, Milano  (MM1 Gorla)
QUANDO: Domenica 25 marzo 2012
COSTO: € 75 (IVA inclusa)

CONTATTI: Istituto Europeo di Shiatsu
via Aristotele 39, Milano
www.shiatsu.mi.it
Tel. 02 27001500